PIATTAFORME ELEVATRICI

FOTO PAGINA PRODOTTOLegge13/1989   Eliminazione delle barriere architettoniche  edifici privati
DM 236/1989   Prescrizioni tecniche per  l’eliminazione delle barriere architettoniche

ALTRE DEFINZIONI:

  • ascensorino
  • montapersone
  • miniascensore
  • montacarichi
  • minilft

COSA SERVE

Progettata  inizialmente per i disabili, viene molto sfruttata nelle villette, nei piccoli condomini oppure in quei condomini che sono vissuti solo in determinati periodi dell’anno nelle località di villeggiatura. E’ regolamentata dalla Direttiva Macchine.

TIPOLOGIE

Funziona con un sistema idraulico analogo  a quello dell’ascensore. Da circa due anni sul mercato si trova anche la soluzione elettrica che come l’ascensore a il motore nel vano.
Inoltre da un sistema di manovra completamente manuale cioè sia in cabina che al piano bisognava tenere premuto il pulsante, adesso con l’entrata in vigore della nuova direttiva la manovra si può definire semi automatica: dal piano funziona come un ascensore normale e l’impianto viaggia in base al piano di chiamata, mentre in cabina la manovra rimane sempre a uomo presente oppure manuale. Sempre con l’entrata in vigore della nuova legge, si possono montare anche le porte in cabina così che l’impianto viaggia in maniera completamente automatica. Adesso tutte le case produttrice offrono anche l’impianto con le porte automatiche come i normali ascensori.
Questo tipo di soluzione sia essa idraulica che elettrica ha tre grossi vantaggi: il primo che funziona a 220 v e che consuma come un frigorifero, gli spazi tecnici richiesti (fossa e testata) sono sensibilmente ridotti (0.15 mt per la fossa e 2.5 mt per la testata) abbattendo così i costi di realizzo e ultimo ma non di importanza si possono fare fino a 60 cm di esterno vano.
La differenza sostanziale con l’ascensore è la velocità che non può essere maggiore di 0.15 m/s (9 mt/m)

AGEVOLAZIONI FINANZIARIE

  • 4% IVA  per il superamento  delle barriere architettoniche (anche in presenza di una piccola rampa con scalini)
  • 50% di bonus fiscale sull’ Irpef in 10 anni fino ad un valore massimo di 96000,00 € a copertura della spesa totale sostenuta (acquisto+ montaggio +  eventuali spese edili)  per le ristrutturazione edilizia

Una persona affetta da una disabilità può:

  • se si fa carico di tutte le spese può installare qualunque tipo di mezzo per abbattere le barriere architettoniche (per ulteriori informazioni vi mandiamo alla pagina NORME e SENTENZE)
  • richiedere i contributi in base alla legge 13/89.
  • richiedere la detrazione  19% come spesa medica l’anno successivo a quello dell’acquisto. In caso di ottenimento dei contributi tale percentuale sarà applicabile solo sulla parte eccedente la spesa sostenuta..

Richiedi il tuo preventivo gratuito (clicca qui) e senza impegno -  PRODOTTO FINANZIABILE

 

FOTO GALLERY